Ricetta pesto alla trapanese pomodori secchi

Il pesto alla trapanese con pomodori secchi non ha bisogno di presentazioni. Si tratta di una ricetta della cucina siciliana che non ha nulla da inviare al più famoso pesto alla genovese. Perché metterli in competizione d'altra parte? Sono due preparazioni totalmente differenti ma altrettanto deliziose. Dall’abbinamento con il vino alla ricetta facile per farlo in casa, ecco come utilizzarlo con la pasta, e non solo, per piatti a prova di chef.

Pesto alla trapanese con pomodori secchi, la ricetta originale

Si tratta del pesto alla trapanese a crudo: ciò significa che è pronto letteralmente in 5 minuti. Per prepararlo non bisogna cuocere alcun ingrediente. La tostatura della frutta secca, nonostante consigliata, è facoltativa. Però contribuisce ad aumentare l’aroma di questa da un lato, e a conferire una nota croccante dall’altro.

In alcune versioni, in realtà in quelle con il pomodoro fresco, si utilizza diffusamente anche il pecorino. Il formaggio, abbastanza sapido, rischia di rendere il pesto salato in combinazione con i pomodori secchi. Ma se riuscite a dosare bene il sale, potete utilizzarlo per ottenere un pesto ancora più gustoso. Vediamo come realizzare questo cremoso pesto alla trapanese con ricotta (rigorosamente di pecora).    

Ingredienti

  • 300 gr di ricotta di pecora
  • 100 gr di pomodori secchi sottolio
  • 1 manciata abbondante di pinoli
  • 1 manciata di mandorle pelate
  • 1 spicchio di aglio (facoltativo)
  • olio extravergine di oliva qb
  • sale e pepe qb
  • basilico fresco qb

Preparazione

  1. Fate tostare i pinoli e le mandorle.
  2. Nel bicchiere del frullatore versate i pomodori secchi e frullateli qualche secondo unendo un filo di oliva extravergine.
  3. Aggiungete il basilico, la frutta secca tostata, l’aglio (se lo usate), il sale, il pepe e la ricotta fresca.
  4. Mescolate bene unendo, se necessario, un cucchiaio di acqua di cottura della pasta.

Pesto alla trapanese con melanzane

Una versione più ricca è quella che vuole il pesto siciliano abbinato con le melanzane fritte, un classico. Ecco come prepararlo in poche mosse con la ricetta proveniente da "E' sempre mezzogiorno".

Ingredienti

  • 4 pomodori secchi
  • 40 gr di mandorle
  • 40 gr di formaggio grattugiato
  • 20 gr di pinoli
  • 1 mazzetto di basilico
  • 3 pomodori maturi
  • 50 gr di ricotta
  • olio evo
  • sale e pepe

Preparazione

  1. Tagliate la melanzana a cubetti di 2 cm per lato e fatela friggere in olio caldo e profondo. Una volta dorata, scolatela su carta assorbente.
  2. Versate nel bicchiere del frullatore basilico, pomodoro a pezzi, pomodori secchi a pezzetti, mandorle pelate, pinoli, formaggio grattugiato, ricotta ed un filo d’olio.
  3. Frullate a lungo fino ad ottenere un composto liscio e cremoso. Unite la melanzana e condite la pasta.

Pesto alla trapanese Bimby

Mai come in questo caso il Bimby è superfluo, ma se ce l’avete in casa perché non sfruttarlo? Allora procedete così: tritate nel boccale pinoli e mandorle per 5 secondi a velocità 7. Unite il basilico, l'aglio e frullate altri 5 secondi a velocità 7. Unite i pomodori fatti sgocciolare e proseguite 10 secondi a velocità 5. Infine aggiungete l'olio: frullate 10 secondi a velocità 3. Raccogliete quanto ottenuto e gustate il pesto alla siciliana con pomodori secchi e ricotta.

Pesto alla trapanese con la pasta, le ricette da provare

Il pesto rosso con pomodori secchi è la soluzione perfetta per dei pranzi semplici ma ricchi di gusto. Lo si può abbinare a diverse ricette per portare in tavola primi piatti degni di nota. Tra quelli che vi consigliamo assolutamente di provare ci sono la pasta con pesto alla trapanese e gamberi, ideale per un menù a base di pesce, e la pasta con pesto alla trapanese e patatine fritte (sì, avete letto bene). Ma si può usare anche per fare la pasta fredda e quella al forno. Il formato ideale restano, comunque, le busiate. Un cenno meritano due fuoriclasse, il cous cous con pesto alla trapanese, una prelibatezza che risente delle influenze africane, e gli gnocculi con pesto alla trapanese.

Pesto alla trapanese, abbinamento vino

Il pesto siciliano con pomodori secchi si abbina bene a vini bianchi freschi ed aromatici. Qualche proposta? Un Moscato giallo fragrante ed intenso con una leggera sapidità, o un Fiano Sicilia Mandrarossa, caratterizzato da sentori di pompelmo e basilico. Profumi, questi, che enfatizzano la sensazione di freschezza. Ma non deve necessariamente essere un bianco ad accompagnare l’esperienza gastronomica che il gustare una porzione di pasta col pesto trapanese comporta. Ottimo è anche il nero d’Avola, fresco e vellutato.

Pesto rosso, come usarlo in cucina?

Essendo realizzato a crudo, il pesto rosso si può utilizzare subito in tutta una serie di preparazioni, specie gli antipasti. Ad esempio, si può sfruttare come crema spalmabile sui crostini o per farcire gli stuzzichini di pasta sfoglia. Si può spalmare dentro gli strudel salati o aggiungere alla farcia di tramezzini, toast e panini adatti per le gite fuori porta. Si può aggiungere, infine, alle salsine varie quando si serve il pinzimonio.

Leave a comment

All comments will be moderated before being published

In evidence this week