Pesto di capperi di Salina

Il pesto di capperi di Salina è il condimento perfetto per primi piatti di pasta e per antipasti deliziosi pronti in pochi minuti. Così come lo è la ricetta del pesto stesso, che si realizza davvero in 5 minuti di orologio e che si realizza con i capperi di Salina, una delle Isole Eolie nelle quali sia il mare che la terra forniscono ingredienti squisiti, per conquistare il nostro palato in tutta semplicità.

La ricetta del pesto di capperi di Salina

Se vi abbiamo messo voglia di provare questo insolito pesto pronto a sorprendere, di seguito trovate gli ingredienti necessari. Ovviamente protagonisti sono i capperi delle Isole Eolie, che trovate direttamente su SicilyAddict così come anche (ma ci rivolgiamo ai più pigri, il pesto pronto, basta un click). Ottima sulla pasta, deliziosa da spalmare su qualsiasi superficie commestibile, la crema di capperi che viene fuori sa di estate. Ecco come si prepara.

Ingredienti

  • 160 g di capperi sotto sale
  • 40 g di mandorle
  • 20 g di basilico fresco
  • olio extra vergine d'oliva
  • sale e pepe nero

Preparazione

  1. Mettete a bagno i capperi in acqua a temperatura ambiente la sera precedente avendo cura di cambiare l’acqua 2-3 volte.
  2. Fate tostare le mandorle in una padella antiaderente senza aggiungere olio.
  3. Scolate i capperi ed asciugateli. Fate raffreddare le mandorle. Versate tutti gli ingredienti in un frullatore ed azionatelo.
  4. Mentre è in funzione, unite lentamente l'olio a filo fino ad ottenere la consistenza desiderata.
  5. Prelevate il pesto, conservatelo in un vasetto di vetro o utilizzatelo subito.  

Pesto di capperi con il Bimby

Per prepararlo con il Bimby basta raccogliere tutti gli ingredienti nel boccale e frullare a velocità 7 per pochi istanti. Quindi raccogliere il composto sul fondo con la spatola, unire se necessario altro olio, e frullare ancora qualche secondo.

Varianti del pesto di capperi

Il pesto di capperi e olive è una delle più diffuse varianti. Caratterizzato da un gusto deciso e da un sapore forte, è amato dagli estimatori del genere. Può essere mangiato al naturale o unito ad un sugo di pomodoro.

Il pesto di cucunci è invece il patè di capperi che viene fuori dal frutto della pianta del cappero (il cucuncio, appunto) e non dal fiore non ancora schiuso (che, per chi non lo sapesse, è il cappero). Tra le varie aggiunte possibili ci sono menta, origano e aglio.

Come usare il pesto di capperi

La salsa di capperi che ne viene fuori è ideale per condire gli spaghetti e la pasta lunga in genere, sia da sola che in abbinamento a pomodorini o zucchine. E’ deliziosa anche da utilizzare come crema di capperi per crostini, bruschette e toast. Ed ancora per tartine, come ripieno di strudel salati o da spalmare all’interno dei panini prima di farcirli con formaggi ed insaccati vari.

Conservazione

Conservate il pesto di capperi in frigorifero per circa 4 giorni all'interno di un vasetto di vetro dotato di coperchio. Completate con olio d'oliva in superficie per allungare i tempi di conservazione. Per una conservazione ancora più lunga, utilizzate il congelatore. 

Cucina sicilianaMarmellate e conserveProdotti tipici sicilianiRicette siciliane

Leave a comment

All comments will be moderated before being published

In evidence this week