Il prosciutto che fa bene alla salute esiste e viene dalla Sicilia!

Che fosse buono lo sapevamo già, il prosciutto crudo è uno dei cibi più goduriosi che l’uomo abbia mai inventato. Ma che facesse anche bene alla salute è davvero sorprendente. Per via della grossa quantità di sale e di grasso che questo alimento naturalmente contiene è sempre stato indicato come un cibo non esattamente salutare. Eppure un prosciutto che fa bene alla salute esiste.

È il prosciutto di Suino nero, siciliano e più precisamente dei Monti Nebrodi e
sembra essere un vero e proprio toccasana. A dirlo è l’Università la Sapienza di Roma che lo ha eletto come miglior salume salutare d’Italia.

Il prosciutto che fa bene alla salute è prodotto a Mirto, un piccolo comune sui Nebrodi, complesso montuoso a metà strada tra la Sicilia occidentale e quella orientale.

Un territorio incontaminato ancora poco conosciuto dal turismo di massa e dai ristornati gourmet che riserva molte sorprese sia per gli appassionati della buona tavola che della natura. Qui proprio al centro del piccolo borgo esiste una vera e proprio "fabbrica di bontà". La Paisanella AGOSTINO è il paradiso dei buongustai dove artigianalità, territorio e amore per il prodotto si incontrano.

Macelleria La Paisanella Agostino Suino Nero Dei Nebrodi Mirto Sicilia

Ed è proprio qui che il prosciutto più salutare d’Italia viene prodotto, una caratteristica davvero singolare che dipende essenzialmente dalla sua materia prima. Su questi monti, da secoli vengono allevati e macellati dei suini molto speciali: il maialino nero dei Nebrodi è una razza autoctona che ben si adatta ai climi freddi dei boschi e si nutre quasi esclusivamente di ghiande e di quel che più lo appetisce tra gli alberi. Una razza che stava per rischiare l’estinzione perché poco redditizia a causa delle sue piccole dimensioni e della sua
grande quantità di grasso corporeo. Ed è proprio quel grasso che rende il prosciutto così speciale e salutare: secondo l’Università La Sapienza di Roma la carne del maialino nero dei Nebrodi contiene una quantità di acidi grassi polinsaturi simili per quantità e qualità più all’olio di oliva che ad altri grassi di natura animale come il burro e lo strutto.

È stato dimostrato che questo particolare tipo di carne ha effetti benefici sulla salute perché è equiparabile ai cosiddetti grassi buoni che aiutano a contrastare il colesterolo.
Profumatissimo, gustoso, sapido al punto giusto e con un’abbondante grasso burroso e morbido il prosciutto di maialino nero dei Nebrodi è una golosità da mangiare a cuor leggero (ovviamente senza esagerare) che fa bene alla salute ma anche al palato. Una festa per le papille gustative, grazie ai profumi e aromi unici.

Prosciutto suino nero Dei Nebrodi Agostino La Paisanella

Questa squisitezza è anche una rarità da queste parti. La lavorazione delle cosce di prosciutto, infatti, non è una tecnica storicamente nota agli allevatori siciliani e sull’isola la norcineria tradizionale si limita alla produzione di salsicce secche e salami abbastanza rustici. La Paisanella Agostino, prima azienda in Sicilia a produrre prosciutto da suino nero di Nebrodi, ha appreso questa nobile lavorazione grazie ad un progetto speciale della regione Sicilia che prevedeva una fattiva collaborazione tra aziende del territorio siciliano e l’università di Scienze e tecnologie agroalimentari di Parma.

Il progetto a cui abbiamo preso parte nel 1996 ci ha consentito di diventare quello che siamo adesso, è stato davvero una svolta nella vita di tutti noi - racconta Luisa Agostino, anima de La Paisanella e moglie di Sebastiano allevatore e storico macellaio – Per prima cosa siamo andati a studiare le tecniche di produzione a Parma, nello specifico mia cognata Pina si è molto appassionata alla norcineria e ormai è lei la nostra responsabile del prodotto.

Poi abbiamo iniziato il periodo di affiancamento alla produzione, da Mirto mandavamo a Parma le cosce destre dell’animale, noi tenevamo le sinistre. Da lì è iniziato un lavoro speculare, seguendo quello che avevamo imparato ripetevamo passo dopo passo tutte le operazioni, noi a Mirto e l’Università a Parma. Nello stesso giorno avveniva lo spolpo, poi la salagione, poi la spazzolatura, fino alla stagionatura.

Dopo 18 mesi arrivarono i primi panel test in cui alcuni esperti confrontavano i due prosciutti. Il risultato fu sorprendente: anche se i prosciutti realizzati a Parma con cosce di suino nero erano tecnicamente perfetti, i nostri un po più sghembi avevano profumi e aromi incomparabili. Piano piano abbiamo migliorato e appreso sempre meglio la tecnica e adesso a Parma ci dicono che gli allievi hanno superato il maestro! Tutto merito delle cantine di stagionatura naturali, una grotta in alta montagna dove il prosciutto riesce ad assorbire e successivamente esprimere tutti i profumi del bosco e di
questo piccolo maialino che viene ancora allevato allo stato brado e che nel 2000 viene riconosciuto come presidio Slow Food.


Prosciutto crudo di Suino Nero Dei Nebrodi Agostino La Paisanella in fase di stagionatura in cantina di pietra naturae

AgostinoLa paisanellaNebrodiProsciutto crudo di suino nero dei nebrodiSiciliaSuino nero dei nebrodiUniversitá la sapienza

Lascia un commento

Tutti i commenti saranno moderati prima di essere pubblicati

In evidenza questa setitmana